Archivi categoria: Accademia

L’Accademia

logoL’Accademia di Paestum, fondata nel 1949 da Carmine Manzi (Mercato San Severino, 18/09/1919-03/04/2012), è nata in un periodo particolarmente critico per la storia italiana ed europea, per contribuire allo sviluppo culturale del Mezzogiorno, alla promozione dell’arte, dell’archeologia e del giornalismo. Annovera tra i suoi co-fondatori Giulio Andreotti e Gaetano Quagliariello.
Fino agli anni ’80, grazie al lavoro e alla tenacia del suo Fondatore e Presidente, l’Accademia ha promosso i “Convegni Romani“, appuntamenti annuali che segnavano un momento di riflessione nella Capitale sui problemi del Mezzogiorno, con analisi e relazioni di intellettuali delle più diverse esperienze culturali: da Arrigo Montani a Mario Pastore, da Mario Rivosecchi a Maria Pia Fanfani, da Giuseppe Sotgiu al cardinale Pietro Sfair.
Allo stesso tempo l’Accademia istituì il Premio Nazionale Paestum, per contribuire alla promozione dell’arte e della poesia, in tutte le sue espressioni e manifestazioni.
Oggi il Premio è giunto alla sua 55° edizione, che per le varie sezioni (tra cui una gara estemporanea di pittura) vedrà la premiazione di numerosi partecipanti, provenienti da tutta Italia.
Tra i vari premi la medaglia del Presidente della Repubblica.
Il resoconto ufficiale della edizione di quest’anno sarà come di consueto pubblicato sulla rivista Fiorisce un Cenacolo, Organo ufficiale dell’Accademia di Paestum.


Come partecipare

Regolamento

Si può concorrere con uno o più elaborati (poesie in lingua ed in vernacolo, novelle, racconti e saggi) ma ciascuno dei componimenti partecipanti, da inviare in 5 copie chiaramente dattiloscritte, di cui una sola firmata e con l’indirizzo dell’autore, deve essere accompagnata dalla quota di euro 20 (per concorso alle spese di segreteria e di organizzazione).

Si consiglia l’invio a mezzo raccomandata all’indirizzo
Accademia di Paestum – Segreteria Concorsi Letterari – Via Trieste 9 – 84085 Mercato S. Severino (SA).
Ogni poesia non deve superare i 40 versi ed ogni elaborato in prosa deve essere contenuto entro le 4 cartelle dattiloscritte a spazio due. Il tema è libero.